AMMINISTRAZIONE, FINANZA E CONTROLLO

Quali report di controllo occorre introdurre per una corretta pianificazione strategica? Come migliorare il proprio rating bancario?

Quali attività occorre predisporre per una corretta gestione delle risorse finanziarie disponibili? Come bisogna leggere i report preparati dalla Centrale dei Rischi di Banca di Italia?

Quali documenti bisogna programmare per consolidare una relazione di fiducia con la banca al fine di incrementare le possibilità di ottenere credito?

CONTROLLO DI GESTIONE E NUOVI INVESTIMENTI

E' focalizzato sugli aspetti tipici della direzione aziendale e che riguardano l’adozione di alcuni strumenti (Budget, reporting, analisi degli scostamenti, indicatori economici e finanziari, piani industriali, Business Plan, piani e report finanziari, etc.) utili a comprendere, in modo più consapevole, l’orientamento verso il quale l’impresa si sta dirigendo. La costruzione di “quadri” di controllo specifici, studiati sulle diverse realtà aziendali, permette di affrontare anche alcune tematiche di “carattere finanziario” in grado di far conoscere all’impresa le dinamiche “informative” dalle quali derivano i “rating” bancari introdotti dalle Normative Comunitarie (Basilea 2 e Basilea 3) e che incidono, in modo determinante, sulla capacità della stessa di accedere al credito o di finanziare il proprio sviluppo. La predisposizione di adeguati “report” informativi, relativi all’andamento aziendale, rappresenta molto spesso il vero punto debole nella relazione con gli Istituti bancari e con gli “stakeholder”. Una errata rappresentazione dei risultati conseguiti e/o dei reali fabbisogni finanziari aziendali può compromettere il rapporto fiduciario tra banca e impresa, basato sulla corretta condivisione delle informazioni aziendali.
Il corso ha l’obiettivo di trasferire ai partecipanti quelle conoscenze utili a costruire una relazione di fiducia con i “portatori di interesse” ed a “governare”, anticipando eventuali anomalie, le informazioni che periodicamente affluiscono all’esterno della propria azienda. Risulta infatti di rilevante importanza per le aziende, proprio a seguito della definitiva attuazione della Legge n.155 del 19.10.2017, dotarsi di adeguati sistemi informativi e di competenze professionali al fine di introdurre appropriati sistemi di controllo di gestione, di budget e di piani di impresa. Tali sistemi di controllo devono essere in grado di rilevare quegli indicatori di “pre – crisi” e di formulare scenari proiettivi in grado di riportare nuovamente in equilibrio ( da un punto di vista economico ma anche finanziario e patrimoniale) la propria azienda attraverso l’adozione di un piano di risanamento specifico. L’obiettivo è quello di anticipare, partendo proprio dallo studio dei documenti interni all’azienda ed analizzando le informazioni  contenute nei report direzionali – primo fra tutti il bilancio di esercizio -, eventuali indicatori di difficoltà al fine di consentire all’azienda di effettuare un preliminare “check up” sul proprio stato di salute aziendale.
Il corso è destinato ad imprenditori e responsabili amministrativi con esperienza pregressa nel settore. E' anche indicato per i laureati magistrali in scienze economiche che sono inseriti o che intendono inserirsi all'interno di contesti imprenditoriali strutturati e che hanno mansioni connesse al controllo di gestione e pianificazione di investimenti. Non sono previsti limiti di età.

Modulo Base (12 ore) ha l’obiettivo di introdurre gli argomenti oggetto della complessiva sessione formativa, presentando ai partecipanti una “overview” generale delle tematiche relative al controllo di gestione ed alla predisposizione dei piani idonei alla valutazione dei nuovi investimenti ed alla loro sostenibilità economica e finanziaria.

VISUALIZZA I TITOLI DEL PROGRAMMA DEL MODULO BASE

Il modulo avanzato della durata di 32 ore ha l’intento di approfondire, in modo anche pratico, quegli argomenti posti alla base del corso propedeutico (base) e che presuppongono una specifica conoscenza tecnica.  

VISUALIZZA IL PROGRAMMA DEL MODULO AVANZATO

MANIFESTAZIONE INTERESSE AL CORSO

Nome

Cognome

Cellulare

Email

Sono interessato a partecipare:
Al corso completoAl modulo avanzatoAl modulo base

SEDE DIDATTICA

Alta Scuola ARCES

Vicolo Niscemi, 5 – 90133 Palermo

tel. +39 091 346629

COSTI E MODALITA’ DI PAGAMENTO 

Corso Completo € 877
Modulo Base € 347
Modulo Avanzato € 600
(Promozione su 2 o più iscrizioni)

LA QUOTA DI ISCRIZIONE E’ DA VERSARE CON BONIFICO BANCARIO IN UNICA SOLUZIONE

IBAN: IT 32 H 02008 04638 000300225214
Intestato a E.M. ASSOCIAZIONE ARCES, – causale:
“Corso AFC, ISCRIZIONE CORSO AFC_COGNOME_NOME”

SCADENZA ISCRIZIONI:
20 APRILE 2019

CALENDARIO E ORGANIZZAZIONE DIDATTICA

STRUTTURA DELLA DIDATTICA

6 ore – Venerdì 3 Maggio 2019
ore 9.00-13.00 / 14.30-16.30

6 ore  Sabato 4 Maggio 2019
ore 9.00-13.00

6 ore il Venerdì (i venerdì sono alternati ogni 15gg tra Maggio e Giugno 2019)
 ore 9.00-13.00 / 14.30-16.30

4 ore il Sabato (i sabato sono alternati ogni 15gg tra Maggio e Giugno 2019)
 ore 9.00-13.00

LA METODOLOGIA DIDATTICA

Il corso si svilupperà con formazione d’aula e alcune sessioni “pratiche”, utili a trasferire ai partecipanti le competenze relative alla costruzione di specifici report di controllo direzionale.

Ci si soffermerà anche sull’analisi di alcuni report predisposti da Banca di Italia (Centrale dei Rischi) al fine di verificare di quali informazioni dispone l’Istituto Centrale rispetto a quelle gestite dall’impresa, anche rispetto al loro formale contenuto informativo.

PERCHÈ PARTECIPARE

La formazione in aula e gli argomenti trattati saranno presentati con un taglio prevalentemente pratico e con il punto di vista di chi ha operato in un contesto competitivo molto dinamico. L’obiettivo sarà anche quello di trasferire ai partecipanti l’esperienza di direzione aziendale e di condividere elementi pratici di negoziazione con gli Istituti bancari.

I partecipanti saranno agevolati nel predisporre concretamente la formulazione di alcune proposte di business per il superamento dello stato di crisi aziendale (per questo è stato previsto uno specifico modulo sull’efficace predisposizione del “Piano Industriale”) e sulla valutazione economica e finanziaria di nuove iniziative imprenditoriali predisposte dalle imprese (costruzione di un adeguato “Business Plan” aziendale).

IL DOCENTE

Michelangelo Calì, dottore commercialista e revisore legale, è esperto in tematiche “gestionali” e di controllo direzionale. In ambito automotive è stato General Manager e procuratore di una delle aziende Concessionarie più grandi del Sud Italia. E’ stato consulente di direzione in tematiche di amministrazione e controllo per gruppi multinazionali. E’ consulente direzionale nell’introduzione di sistemi di “cash management” e di governo della dinamica finanziaria.